Project Description

Titolo del progetto

Progetto per la realizzazione di un sistema informatico di comunicazione audiovisivo, da casa ad ospedale, nell’ambito dell’assistenza domiciliare oncologica.

Autori e provenienza

Oncologia medica ospedale Santa Croce – FANO – Rodolfo Mattioli.

Descrizione del progetto

Questo progetto nasce dall’esigenza di realizzare un sistema informatico che permetta di mettere in comunicazione audiovisiva i propri malati oncologici domiciliari con i medici del reparto di Oncologia Medica del Presidio Ospedaliero di Fano. Le caratteristiche principali del sistema informatico di comunicazione saranno semplicità ed immediatezza di utilizzo, mentre la qualità e l’affidabilità del sistema saranno garantite da apparecchiature e software scelti e testati dai tecnici informatici dei Sistemi Informatici di questa Azienda.

Titolo del progetto

Pronta consultazione telefonica oncologica

Autori e provenienza

Oncologia medica ospedale Santa Croce – FANO – Rodolfo Mattioli.

Descrizione del progetto

Attivazione di un accesso telefonico, che rimanga operativo nel corso delle ore diurne.

Titolo del progetto

Arte-terapia: percorsi espressivi e di trasformazione nella malattia oncologica

Autori e provenienza

Giovanna Pepe Diaz

Descrizione del progetto

Da diversi anni l’arte-terapia è riconosciuta e praticata per la sua efficienza e validità terapeutica in ambito oncologico. L’attività espressiva, che si basa sull’utilizzo dei materiali artistici all’interno di una relazione terapeutica, attiva nella sofferenza psichica del malato un processo di miglioramento generale oggi riconosciuto e documentato attraverso studi teorici e scientifici. L’intervento di arte-terapia, con pazienti oncologici i fase di trattamento o in fase di follow-up diventa quindi sostegno atto a favorire l’espressione e l’elaborazione del proprio vissuto rispetto alla malattia, per giungere ad una maggior consapevolezza del sé e all’attivazione di nuove risorse interiori.

Titolo del progetto

Laboratorio di creatività “Noi contiamo sui colori”

Autori e provenienza

Fondazione Clelio Angelino – Ludovica Pepe Diaz

Descrizione del progetto

Si tratta di uno spazio interattivo nel quale far conoscere e sperimentare il colore come intervento di aiuto e sostegno alla persona attraverso il processo creativo. Il laboratorio è frequentato da bambini (dia 4 ai 1 anni) affetti da leucemia e non, che desiderano affrontare questa esperienza pedagogica sia come scelta dei genitori sia dietro segnalazione di insegnanti, psicologi e assistenti sociali.

Titolo del progetto

Presentazione della filosofia alla base della società di formazione e consulenza “Suono e Silenzio”

Autori e provenienza

Suono e Silenzio – Manuel Katz

Descrizione del progetto

Chi si prende cura dell’oncologo e dell’infermiere oncologico? I nostri interventi, radicati nella conoscenza della realtà quotidiana di u reparto oncologico, si basano sulla fiducia nella possibilità del medico e dell’infermiere di restare in contatto con i propri bisogni emotivi, con le proprie motivazioni profonde, con la propria vocazione e con i propri limiti. Lavoriamo con il medico e l’infermiere riconoscendoli come “persone dentro il camice”, sicuri che così il loro lavoro sarà migliore per il paziente, più efficace dal punto di vista medico e più sicuro per l’operatore stesso.

Titolo del progetto

Prendersi cura del corpo che cambia

Autori e provenienza

Oncologia Medica – Massa Carrara – Annalisa Beatrini, Roberta Tartarini

Descrizione del progetto

Presso l’oncologia dell’Ospedale di Carrara dal settembre 2007 è attivo un ambulatorio di Medicina Estetica gestito da un Medico Estetico e da un Biologo. L’ambulatorio è rivolto a tutti i pazienti seguiti dal reparto nell’ottica della presa in carico globale del malato oncologico. Il progetto fa parte di un approccio multidisciplinare che, oltre a medici e infermieri, vede già coinvolte diverse figure professionali e volontari, al fine di offrire un’accoglienza a paziente che ha un effetto positivo sulla capacità di affrontare il difficile percorso terapeutico.

Titolo del progetto

Donatori di musica

Autori e provenienza

Oncologia Medica – Massa Carrara – Paola Pacetti

Descrizione del progetto

Ogni persona è diversa dall’altra ma ogni persona, in fase di malattia oncologica, ha bisogno di riscoprire emozioni, di sentirsi inserito nella vita che continua, nonostante la diagnosi porti con sé la metafora della morte e la chemioterapia annulli la sensazione dello spazio e del tempo. Nulla come l’arte in generale e la musica sono i grado di suscitare emozioni e di avvicinare ogni uomo a se stesso… e il malato oncologico, in particolare, è una persona che rischia di rimanere senza emozioni e nella solitudine. L’oncologia di Carrara dal 2003 inserisce episodi musicali tra le attività ricreative, dal 2004 organizza serate in reparto con gruppi musicali locali, dal 2007 si è fatta promotore di un progetto che prevede concerti di musica classica, ogni 15 giorni, alternati a incontri di musica raccontata all’interno del reparto.

Titolo del progetto

Un percorso di cura integrata per il malato oncologico

Autori e provenienza

Fatebenefratelli – Roma – Tiziana Ragni Raimondi

Descrizione del progetto

Un percorso integrato di cura per il malato oncologico, un insieme di varie iniziative volte a: umanizzare le cure in oncologia; realizzare una presa in carico globale; migliorare la qualità delle cure; ottimizzare la qualità della vita dei malati; favorire la comunicazione medico-malato; facilitare l’aderenza del paziente al trattamento; migliorare la soddisfazione del paziente; integrare terapie palliative, terapie specifiche antitumorali e riabilitazione; favorire un’organizzazione integrata multidisciplinare e multidimensionale; favorire la gestione clinica da arte del gruppo di assistenza.

Titolo del progetto

Governance e collaborazione con il Volontariato

Autori e provenienza

Psico-oncologia di Biella – Patrizia Tempia

Descrizione del progetto

I volontari sono spesso motivati da un pensiero riparativo o restitutivo o elaborativo, e chiedono di potersi occupare e di rendersi utili a persone malate. La proposta fatta al volontario è “accogliere” il paziente in Day Hospital. Il compito consiste nel fare una “sufficientemente buona compagnia” a malato nell’attesa…

Titolo del progetto

Il ruolo dell’informazione a supporto dell’organizzazione e nella prevenzione degli errori terapeutici in oncologia

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di desio e Vimercate – Daniele Fagnani

Descrizione del progetto

Nel campo oncologico, la rilevanza della prevenzione degli errori si è manifestata in misura forse maggiore e precoce a causa delle peculiarità del percorso diagnostico terapeutico del malato affetto da neoplasia; le tossicità, potenzialmente letali, che caratterizzano i farmaci antiblastici, hanno reso necessaria la ricerca di adeguate misure preventive per abbattere al minimo il rischio di errore. L’introduzione delle ICT (Informatic and Computer Technology) presso una Unità Operativa di Oncologia Medica si è dimostrata un valido supporto nella gestione clinica, oltre che amministrativa e organizzativa per il controllo degli errori e per l’implementazione di sistemi di sicurezza a di qualità.

Titolo del progetto

Aromaterapia: nuova opportunità di umanizzazione in oncologia

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di Desi e Vimercate – Raffaele Maddalena (Coordinatore infermieristico)

Descrizione del progetto

Uno dei principali obiettivi per chi si occupa di assistenza alle persone affette da tumore è quello di creare nel malato e nei suoi familiari un “ricordo positivo”. Una delle strategia da perseguire è sicuramente la creazione di un ambiente accogliente; tra le iniziative adottate dell’UO di Oncologia Medica di Vimercate, dalla primavera del 2007 figura anche l’aromaterapia.

Titolo del progetto

Organizzazione delle prime visite

Autori e provenienza

Oncologia di Aosta – Gianmauro Numico

Descrizione del progetto

La prima visita oncologica rappresenta l’attività più impegnativa per lo specialista. Essa richiede la competenza per affrontare in modo adeguato la problematica clinica del paziente e la necessaria preparazione per gestire la comunicazione. In un contesto di crescente aumento delle richieste di prime visite e di contrazione del tempo dedicato a questa attività è necessario che siano forniti gli strumenti essenziali e un contesto favorevole.

Titolo del progetto

La danza delle donne per le donne

Autori e provenienza

CCS Istituto Tumori Bari – Elisabetta Rizzo

Descrizione del progetto

Le Arabe Fenici sono un gruppo di donne operate di tumore al seno che propongono il loro percorso di “rinascita” partendo dai momenti di confusione, rabbia, ma anche di incontro e di solidarietà umana, di gioia e di liberazione dei nodi emotivi della sofferenza vissuta. La rappresentazione illustra le varie fasi del percorso, guidato da Elisabetta Rizzo (infermiera e counselor biosistemico) e condiviso da Marilena De Letteris (insegnante di danza orientale), intervallando letture autobiografiche a momenti di danza. Una magia, un mezzo di comunicazione tra mente e corpo, ma anche uno strumento di condivisione di emozioni con il gruppo per far riaffiorare la femminilità, la grazia e l’armonia che la malattia ha oscurato, ma non cancellato.

Titolo del progetto

Dalla cura alla condivisione

Autori e provenienza

Oncologia di Carpi (MO) – Giusta Greco

Descrizione del progetto

Si è cercato di creare esperienze di condivisione proponendo l’Unità Operativa non solo come luogo di cura, ma come spazio relazionale, dove affrontare, gestire e rispettare le proprie esigenze.

Titolo del progetto

Gruppo Accoglienza e Informazione

Autori e provenienza

Oncologia di Aosta – Gianmauro Numico

Descrizione del progetto

Il “Gruppo Informazione e Accoglienza” rappresenta il “benvenuto” dell’équipe al paziente che inizia un percorso di trattamento oncologico e l’occasione privilegiata per fornire gli strumenti indispensabili per orientarsi all’interno dell’organizzazione della struttura.

Titolo del progetto

Autori e provenienza

Arte-terapia nelle cure palliative. Vivere con la malattia grave

Michele Daghero – Torino

Descrizione del progetto

L’esperienza della malattia grave a prognosi infausta ha implicazioni emozionali molto intense che ne rendono particolarmente difficile la verbalizzazione. L’arte-terapia può consentire ai malti di comunicare pensieri, emozioni e stati d’animo in modo non verbale. Può inoltre offrire attività occupazionali e creative per superare l’isolamento sociale e lo smarrimento dell’identità personale conseguente ai cambiamenti fisici, sociali e psicologici legati alla malattia.

Titolo del progetto

Accoglienza e informazione ai malati oncologici

Autori e provenienza

Ospedale San Carlo – Potenza – Luigi Manzione

Descrizione del progetto

Accoglienza a tutti i pazienti che accedono al reparto o all’ambulatorio dell’Oncologia Medica dell’Azienda Ospedale San Carlo di Potenza con l’obiettivo di: facilitare all’utente il passaggio da un ambiente “familiare” ad una struttura sanitaria, realizzare un clima di ospitalità, protezione e sicurezza, garantire informazioni personalizzate, complete e comprensibili e standardizzare le attività del personale sanitario addetto all’accoglienza.

Titolo del progetto

Cancro e sessualità: indagine conoscitiva sulle problematiche sessuali dei pazienti oncologici

Autori e provenienza

Ospedale San Carlo – Potenza – Luigi Manzione

Descrizione del progetto

Questo studio per: valutare l’impatto della diagnosi di cancro sul vissuto sessuale; predisporre un percorso psico-clinico che a partire della fase diagnostica accompagni il paziente durante tutte le fasi della malattia; portare a conoscenza degli operatori dell’équipe la rilevanza delle problematiche sessuali che tanto incidono sulla Qualità di vita dei pazienti al fine di rendere veramente “globale” l’approccio al malato oncologico nella cornice generale dell’umanizzazione delle cure.

Titolo del progetto

Psico-oncologia pediatrica: un modello di intervento

Autori e provenienza

OIRM – Marina Bertolotti

Descrizione del progetto

Modello di intervento psicologico in atto presso le Strutture di Oncoematologia Pediatrica dell’ASO OIRM-S. ANNA di Torino.

Titolo del progetto

A.M.O.R.E. – Assistenza Mirata Oncologica alla peRsona in trattamEnto

Autori e provenienza

Presidio Ospedaliero Perrino & Di Summa – Brindisi (tel. 329 2675730 – 329 9264269)- Saverio Cinieri, Marina Turaccio

Descrizione del progetto

Un CAE GIVER che si occupi della erogazione di una serie di servizi detti: SERVIZI DELLE 4 A (Amore, accompagnamento, Ascolto, Agevolazione).

Titolo del progetto

Cartella clinica informatizzata per la gestione del paziente nel Day Hospital e ambulatorio oncologico

Autori e provenienza

Oncologia Medica di Varese – Claudio Chini, Grazia Pinotti

Descrizione del progetto

Realizzazione di una cartella clinica oncologica informatizzata aziendale.

Titolo del progetto

I.I.O.T. – Integrazione Infermieri dell’Oncologia e Territorio

Autori e provenienza

Oncologia di Biella – Mario Clerico, Linda Guerretta

Descrizione del progetto

I pazienti che accedono al Day Hospital per la somministrazione della chemioterapia, hanno la possibilità di scegliere come alternativa di eseguire il prelievo in un ambulatorio situato sul territorio vicino al proprio domicilio. Il prelievo viene prenotato in DH, il paziente accede direttamente all’ambulatorio distrettuale.

Titolo del progetto

Animazione in oncologia

Autori e provenienza

Oncologia di Ivrea – Roberto Quarisa

Descrizione del progetto

Progetto avviato nel ’97 nella degenza di oncologia di Ivrea e nel Day Hospital. Obiettivo: umanizzare i tempi “morti” dell’assistenza mettendo a disposizione materiali per attività ludico-creative, organizzazione di eventi e preparazione di allestimenti per il reparto per rendere meno asettico l’ambiente.

Titolo del progetto

Una casa dedicata

Autori e provenienza

UGI – Torino – Dott. Sarchioni

Descrizione del progetto

La “presa in carico della famiglia e del bambino/ragazzo” da parte dell’U.G.I. avviene in maniera globale (assistenziale ed economica) sin dal momento della diagnosi e del ricovero in ospedale.

Titolo del progetto

Il progetto ASSET per l’Ospedale del Futuro

Autori e provenienza

Chirurgia oncologica TBA delle Molinette – Claudio Zanon

Descrizione del progetto

ASSET è l’acronimo di: “Associazione per lo Sviluppo di una Sanità di Eccellenza a Torino”. Nasce a Torino nel settembre del 2005 per progettare un modello innovativo di struttura ospedaliera sotto i profili: della tecnologia medica impiegata, della razionalità economico-amministrativa (gestione pubblico-privata), della qualità dei servizi, dell’informazione e del rapporto col paziente. Il modello Asset prevede di coniugare ognuno di questi profili, fin dalla sua genesi e attraverso un monitoraggio costante, a significativi fondamenti etico-deontologici.

Titolo del progetto

V piano: luogo di cura, luogo di vita

Autori e provenienza

Dipartimento di Oncologia, Presidio Ospedaliero Casalpusterlengo – Federica Solari

Descrizione del progetto

Scopo del video “V piano: luogo di cura, luogo di vita” è utilizzare un veicolo comunicativo immediato ed efficace volto alla sensibilizzazione dei vissuti emotivi del paziente oncologico nelle varie fasi di malattia offrendo un’opportunità di riflessione, di cultura, di distacco dai pregiudizi, affinché i diversi luoghi che accolgono il malato oncologico (dall’ambulatorio del Day Hospital, alle stanze dell’Hospice) non siano solo luoghi di cui avere timore.

Titolo del progetto

La vita riprende: parole, movimento, colori

Autori e provenienza

Associazione Serena – Dafne Rossi

Descrizione del progetto

La donna operata, dopo un primo ciclo di riabilitazione motoria post-operatorio fatto presso la riabilitazione dell’Azienda Ospedaliera, viene inviata al Centro di riabilitazione della ASL7, dove l’associazione Serena ha attivato un ambulatorio multidisciplinare e dove sono presenti (insieme ad una volontaria), l’oncologi, la fisiatra, la fisioterapista e lo psicologo. L donna viene presa in carico globalmente, ha modo di parlare, di esporrei propri problemi, viene visitata dall’oncologo, seguita dalla fisiatra, dalla fisioterapista, dallo psicologo, dalla volontaria dell’associazione.

Titolo del progetto

LASOL Educazionale

Autori e provenienza

LASOL volontariato – Reggio Calabria – Giovanni Condemi

Descrizione del progetto

Filmato informativo

Titolo del progetto

Libro di Narrazioni – La malattia oncologica raccontata dai volontari

Autori e provenienza

Usl12 Toscana – Domenico Amoroso

Descrizione del progetto

La malattia oncologica raccontata dai volontari.

Titolo del progetto

Programma di Ricerca sulla Formazione sul Campo C.O.R.O. (Comunità di apprendimentO e Ricerca-Azione per Operatori sanitari)

Autori e provenienza

S.O.C. FORMAZIONE e COMUNICAZIONE – Asl BI- Biella- Francesca Menegon

Descrizione del progetto

Il programma di ricerca C.O.R.O. offre la possibilità di guardare al mondo della formazione sul campo non solo con la lente del sistema accreditamento, che è necessariamente più focalizzata sulla definizione degli indicatori del fare, ma anche di dirigere lo sguardo sull’universo dei significati che accompagnano questo fare. Tenendo presenti le risultanze emergenti dal programma di ricerca C.O.R.O., si potranno inoltre realizzare attività di formazione sul campo di buona qualità (valorizzando bisogni formativi, “culture” professionali emergenti, motivazioni, ecc.).

Titolo del progetto

Educazione sanitaria e supporto emotivo rivolto ai pazienti con carcinoma mammario

Autori e provenienza

Psico-oncologia DH S.M. Annunziata di Firenze – Francesca Focardi

Descrizione del progetto

Il progetto, rivolto alle donne in trattamento chemioterapico, si articola in:

1) rilevazione dei bisogni relazionali, emotivi ed esistenziali delle pazienti (focus group); 2) intervento psico-educazionale: incontri con un ginecologo per l’approfondimento di tematiche sessuali e su eventuali effetti collaterali indotti da menopausa anticipata; incontri con un dietista per l’approfondimento di una corretta alimentazione nel corso di trattamenti chemioterapici; incontri con un’estetista per l’acquisizione di competenze nell’ambito dei rimedi estetici; 3) intervento di supporto emotivo attraverso una psicoterapia di gruppo; 4) valutazione dell’intervento.

Titolo del progetto

Progetto cronici

Autori e provenienza

Psico-oncologia di Biella – Patrizia Tempia

Descrizione del progetto

E’ un progetto di prevenzione che, almeno per quanto riguarda la prevenzione e l’offerta di cura della depressione, punta a collegare ed integrare operativamente strategie assistenziali mediche e psicologiche. Ha finalità di tipo preventivo in quanto: 1) è mirato su popolazioni a forte rischio di sviluppare depressione;  2) punta a rilevare la possibile esistenza di uno stato di malattia attraverso l’utilizzo di questionari standardizzati;  3) cerca di migliorare la formulazione dell’offerta terapeutica con la presa in carico psicoterapeutica.

Titolo del progetto

MISTO – Medici edInfermieri: Supporto alle Terapie Oncologiche

Autori e provenienza

Oncologia di Biella – Mario Clerico – Linda Guerretta

Descrizione del progetto

Il progetto si propone di organizzare un servizio di assistenza infermieristica a domicilio, in collaborazione con gli operatori dell’Oncologia, per i pazienti oncologici sottoposti a trattamenti antitumorali particolarmente “pesanti” o per pazienti con preesistenti condizioni cliniche che li rendano particolarmente “fragili”.

Titolo del progetto

Rilevazione degli effetti collaterali da chemioterapia mediante compilazione di apposita scheda

Autori e provenienza

Oncologia di Biella – Mario Clerico – Linda Guerretta

Descrizione del progetto

La rilevazione sistematica degli effetti collaterali da chemioterapia permette all’infermiere di avere una maggiore conoscenza dello stato di salute del paziente e della sua qualità di vita. Le informazioni raccolte, la loro documentazione, il confronto fra le professionalità coinvolte, facilitano una migliore assistenza.

Titolo del progetto

Informatizzazione delle prestazioni infermieristiche

Autori e provenienza

Oncologia di Carpi (MO) – Giusta Greco

Descrizione del progetto

Tutti gli accessi in cui il paziente non esegue chemioterapia o terapie di supporto risultano ambulatoriali. Si pone quindi il problema di rilevare le attività infermieristiche; sono state aggiunte alle prestazioni ambulatoriali mediche anche tutte le prestazioni infermieristiche da nomenclatore nazionale. Ora le infermiere registrano tutte le attività ambulatoriali e possono emettere un referto infermieristico.

Titolo del progetto

Cross Over

Autori e provenienza

Polo Oncologico di Biella – Cesarina Prandi

Descrizione del progetto

Il progetto ha la finalità di proporre una iniziativa di scambio e confronto professionale per medici e infermieri all’interno della Rete Oncologica del Piemonte e Valle d’Aosta.

Titolo del progetto

“Ti hanno detto che…”

Autori e provenienza

Oncologia di Biella – Linda Guerretta, Alessandra Forgnone

Descrizione del progetto

Per agevolare e informare gli utenti dell’Oncologia, sono stati preparati semplici opuscoli che descrivessero i diritti, le agevolazioni, le procedure e soprattutto gli uffici territoriali in cui recarsi per avere informazioni specifiche e richiedere a modulistica necessaria. Tali opuscoli contengono inoltre l’indirizzo, il telefono, la mail e gli orari di apertura degli uffici territoriali competenti. Della stessa serie viene anche distribuito un opuscolo sull’interazione che certi alimenti e prodotti naturali possono avere con determinati farmaci comuni nelle terapie oncologiche. Tali format sono stati messi a disposizione dei Centri Accoglienza e Servizi della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta per ampliare l’iniziativa (adattabili ad ogni singola realtà).

Titolo del progetto

“Ti hanno detto che…”

Autori e provenienza

Oncologia di Biella – Linda Guerretta, Alessandra Forgnone

Descrizione del progetto

Per agevolare e informare gli utenti dell’Oncologia, sono stati preparati semplici opuscoli che descrivessero i diritti, le agevolazioni, le procedure e soprattutto gli uffici territoriali in cui recarsi per avere informazioni specifiche e richiedere a modulistica necessaria. Tali opuscoli contengono inoltre l’indirizzo, il telefono, la mail e gli orari di apertura degli uffici territoriali competenti. Della stessa serie viene anche distribuito un opuscolo sull’interazione che certi alimenti e prodotti naturali possono avere con determinati farmaci comuni nelle terapie oncologiche. Tali format sono stati messi a disposizione dei Centri Accoglienza e Servizi della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta per ampliare l’iniziativa (adattabili ad ogni singola realtà).

Titolo del progetto

Facciamo colazione in Day Hospital

Autori e provenienza

Oncologia di Aosta – Francesco Di Vito

Descrizione del progetto

Nel 2005, in collaborazione con la Lega Tumori, il Day Hospital di Oncologia dell’Ospedale di Aosta ha organizzato la fruizione gratuita della colazione per gli utenti. L’USL ha autorizzato l’uso di un piccolo locale e fornisce gli alimenti. La Lega garantisce la presenza quotidiana di un volontario per la distribuzione delle colazioni e anche di qualche dolce fatto in casa.

Titolo del progetto

Il reparto “in mostra”

Autori e provenienza

Oncologia di Aosta – Francesco Di Vito

Descrizione del progetto

Nel 2005, in collaborazione con la Lega Tumori, il Reparto Degenza di Oncologia dell’Ospedale di Aosta ha ottenuto la donazione di una quarantina di quadri (di soli artisti locali) che sono stati appesi nelle camere di degenza e nei locali comuni del reparto. Un pittore ha anche affrescato alcuni locali comuni.

Titolo del progetto

Call Center del Polo Oncologico

Autori e provenienza

Fondazione Clelio Angelino – Michela Favaro

Descrizione del progetto

Il call center è un progetto nato nel 2004 da una collaborazione tra il Polo Oncologico di Biella e la Fondazione Clelio Angelino Onlus. E’ attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.3 alle 13.00 e risponde a tutte le chiamate destinate all’Oncologia  e all’Ematologia. E’ così possibile avere un punto di riferimento per ottenere informazioni, prenotare visite e lasciare messaggi per gli operatori. In caso di richieste urgenti la telefonata può essere passata al medico di turno. Tutto questo permette agli operatori di non essere interrotti continuamente durante le visite o le cure e, agli utenti, di trovare sempre qualcuno a cui chiedere informazioni o lasciare un messaggio ed essere ricontattati dal medico.

Titolo del progetto

Guida ai diritti del paziente oncologico in ambito lavorativo e previdenziale

Autori e provenienza

Lecco – Antonio Ardizzoia, Silvia Villa

Descrizione del progetto

Lo scorso anno è nato a Lecco il Coordinamento delle Associazioni di volontariato in Oncologia da un’iniziativa del Dipartimento Internazionale Provinciale Oncologico (DIPO) della Provincia con l’obiettivo di favorire le sinergie tra associazioni che si occupano a vario titolo della malattia oncologica, sia tra di loro che con le strutture pubbliche e private che afferiscono al DIPO su iniziative di comune utilità. Ciascuna associazione è libera di proporre progetti su cui cercare le sinergie con le altre associazioni.

Titolo del progetto

Associazioni no-profit e collaborazione con il sistema sanitario; L’associazione Claudio Colombo per le Oncologie di Vimercate e Desio

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di Desio e Vimercate – Daniele Fagnani

Descrizione del progetto

A supporto dell’unità operativa, nel gennaio 2002 veniva fondata l’Associazione Claudio Colombo per l’Oncologia Onlus. L’associazione, grazie all’iniziativa dei familiari e degli amici di Claudio nasceva per rispettare la sua ferma volontà di aiutare e sostenere le persone e le famiglie che afferivano al Servizio di Oncologia medica del Presidio Ospedaliero di Vimercate. Come sottolineato nello statuto, il fondo creato con le donazioni viene utilizzato per accrescere il livello qualitativo del servizio offerto ai pazienti ed ai loro familiari.

Titolo del progetto

Il progetto “Sportello Psicologico”; una mano tesa a malati e operatori

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di Desio e Vimercate – Daniele Fagnani

Descrizione del progetto

“Sportello Psicologico” è un progetto che vede coinvolte le oncologie di Vimercate e di Desio. L’obiettivo del progetto è duplice: intervenire con i pazienti in difficoltà per elaborare le difficoltà e le sofferenze che derivano dalla malattia, ed intervenire sull’équipe sanitaria in modo da stimolare la creazione di un rapporto “empatico” con il paziente e favorire i processi di rielaborazione delle problematiche legate alla gestione del paziente, creando uno spazio di riflessione condivisa.

Titolo del progetto

Associazioni no-profit e collaborazione con il sistema sanitario; L’associazione Claudio Colombo per le Oncologie di Vimercate e Desio

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di Desio e Vimercate – Daniele Fagnani

Descrizione del progetto

A supporto dell’unità operativa, nel gennaio 2002 veniva fondata l’Associazione Claudio Colombo per l’Oncologia Onlus. L’associazione, grazie all’iniziativa dei familiari e degli amici di Claudio nasceva per rispettare la sua ferma volontà di aiutare e sostenere le persone e le famiglie che afferivano al Servizio di Oncologia medica del Presidio Ospedaliero di Vimercate. Come sottolineato nello statuto, il fondo creato con le donazioni viene utilizzato per accrescere il livello qualitativo del servizio offerto ai pazienti ed ai loro familiari.

Titolo del progetto

Umanizzazione dei reparti la collaborazione con il territorio

Autori e provenienza

Dipartimento Oncologico – AO di Desio e Vimercate – Daniele Fagnani

Descrizione del progetto

Sfruttando la vendita dei libri usati, la biblioteca cittadina ha trovato i fondi necessari all’acquisto di un centinaio di libri (che ogni anno vengono rinnovati)e di un discreto numero di abbonamenti alle riviste mensili più importanti e di vari argomenti (anche questi rinnovati annualmente). I malati e i familiari possono leggere, durante la degenza  o portandoli a domicilio, qualsiasi testo impegnandosi a riporlo nella biblioteca di reparto.

Titolo del progetto

La qualità al reparto di Oncologia: gradimento, suggerimenti e critiche

Autori e provenienza

Oncologia – Policlinico militare di Roma Celio – Paolo Astorre

Descrizione del progetto

Gli operatori de Reparto di Oncologia del Policlinico Militare “Celio” di Roma, lavorando in un gruppo costituito da medici, infermieri e volontari, hanno elaborato una scheda di indagine conoscitiva con lo scopo di verificare quali siano i punti forti, ma anche e soprattutto i punti deboli che richiedono eventuali miglioramenti.

Titolo del progetto

IOPR-A-CCOMPAGNA: curare quando non è più possibile guarire. Combattere il dolore fisico (medicina del dolore) e psichico (psico-oncologia) per combattere la malattia, vivere più a lungo e affrontare serenamente la morte

Autori e provenienza

IOPRA Onlus Pesaro – Segreteria

Descrizione del progetto

L’Associazione IORP è attualmente in convenzione con l’ASUR – Zona territoriale 1 – perciò che concerne l’assistenza domiciliare oncologica in particolare, il servizio prevede attività di assistenza medico/infermieristica e psicologica, di cure palliative, socio assistenziali, di volontariato, formative, di consulenza in materia di cure palliative domiciliari.